Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

Tecniche Di Memoria

TECNICHE DI MEMORIA E METODO DI STUDIO Questa guida è il risultato di un corso sulle tecniche di memoria seguito ai tempi dell’università...

venerdì 31 maggio 2013

Lettura veloce: quattro esercizi per leggere al doppio della velocità


In un altro post abbiamo esaminato le ABITUDINI DISFUNZIONALI che ostacolano la lettura veloce.

Vediamo ora quattro esercizi utili per aumentare la velocità di lettura; a questo proposito non dobbiamo dimenticare che la lettura può diventare molto più rapida (anche del 50% o più) applicandosi in esercizi cheaumentano il campo di fissazione - ciò permette di leggere più parole con un solo colpo d'occhio - e diminuiscono gli spostamenti oculari mentre si scorre il rigo (l'occhio, infatti, legge soltanto quando è fermo).

Ecco esercizi che, se applicati periodicamente, aumenteranno progressivamente la velocità media di lettura.

A. Individuare la presenza di una parola prescelta.

All'interno di una pagina o di un breve testo contare più rapidamente possibile tutte le volte in cui compare la preposizione "di" o l'articolo "un" o, ancora, la congiunzione "e" (in pratica una qualsiasi parola prescelta).

- In un testo di un argomento specifico, cercare e trovare la presenza di tre vocaboli a tema con l'argomento in questione. Ad esempio, in un passo sul Romanticismo cercare la presenza delle parole "amore", "poesia", "natura".

Individuare una parola nell'indice di un libro (o nel glossario) e cercare il più velocemente possibile all'interno del capitolo indicato la parola scelta. Ad esempio, se nell'indice trovo la parola "enzimi", all'interno del capitolo a cui l'indice stesso rimanda cercherò più velocemente possibile tutte le ripetizioni della parola "enzimi".

Scorrere i numeri sull'elenco telefonico e trovare, sempre cercando di essere più rapidi possibile, i numeri cheabbiano le prime due cifre uguali a quelle del nostro numero.

B. Individuare la presenza di un gruppo di parole
- Individuare in una pagina o in un breve testo, il più rapidamente possibile, quante volte compaiono sequenze di gruppi di parole, come ad esempio "di un", "per il"...

C. Localizzare la presenza di parole specifiche
- Mentre si scorre una vita di Ugo Foscolo sull'enciclopedia o su un qualsiasi testo di letteratura, individuare e contare tutti i nomi delle sue amanti
Questo esercizio è molto più complesso dei precedenti: se prima bisognava individuare nel testo la stessa parola ripetuta più volte, adesso bisogna individuare parole tra loro diverse (perché diverse erano le amanti del Poeta) accomunate da uno stesso elemento.

- Provare a rispondere alle domande presenti alla fine di un capitolo o di un argomento di studio senza aver letto tutto il testo, ma solo dopo una lettura rapida e scorrevole.

D. Allargare il campo di fissazione dell'occhio
- Fissando un punto di un rigo di una qualsiasi pagina, cercare di leggere il numero maggiore di parole senza muovere l'occhio. Ripetendo questo esercizio più volte, il numero di parole che si riescono ad inglobare in uno sguardo aumenterà progressivamente.

Immagine 1
- Dopo aver ripetuto il precedente esercizio passare al livello successivo: prendere l'articolo di un quotidiano e leggerlo "rigo dopo rigo"senza mai spostare in orizzontale l'occhio. Il movimento è consentito solo dall'alto verso il basso, inglobando in un'unica fissazione tutte le parole del rigo. Vedrete che, così facendo, il tempo di lettura di un articolo di giornale si dimezzerà!

Consideriamo la foto a lato (immagine 1), che rappresenta un frammento di articolo di giornale. Prendiamo a mo' di esempio il primo rigo, ma lo stesso discorso vale per tutti gli altri. Si tratta di esercitarsi in questo modo: fissiamo lo sguardo all'altezza delle consonanti "st" della parola ricostruzione. Da quel punto di fissazione, dopo aver fatto pratica secondo quanto suggerito nel precedente esercizio, dovremmo essere in grado di leggere tutte le parole del rigo. Fissando sempre lo stesso punto dei righi successivi, si può leggere l'articolo muovendo l'occhio dall'alto al basso, senza compiere altri spostamenti!!!

- Ultimo passo. Immaginiamo di suddividere le righe di una pagina di libro in sezioni di una larghezza simile a quella di un articolo di giornale. In un libro tascabile avremmo così due colonne; in altri tipi di libri - come ad esempio quelli scolastici - avremmo 3 o quattro colonne. Si tratta ora di leggere fissando un solo sgardo per ogni colonna immaginaria in cui abbiamo suddiviso il rigo. L'occhio non dovrà attuare nessun altro movimento: dovrà soffermarsi soltanto al centro di ogni colonnina che abbiamo immaginato di creare. In questo modo, all'interno di un rigo di libro, l'occhio compirà 2 - 3 o 4 movimenti, a dispetto dei 10 - 15 che si compiono senza applicare queste tecniche.

Immagine 2
Nell'immagine 2 vediamo come leggere la pagina di un libro: si divide la pagina in due, tre o quattro colonne (anche a seconda dell'abilità acquisita). All'inizio, per i meno esperti, è utile divideregraficamente la pagina in colonne, come nella foto. Successivamente, per il lettore più esperto, questa suddivisione sarà automatica, mentale. Ogni colonna avrà un punto di fissazione su cui bloccare lo sguardo e da cui leggere tutte le parole della colonnina (naturalmente il punto "scende" mano a mano che si scende con lo sguardo durante la lettura)
Notiamo come, per leggere i due capoversi completi riportati in foto, l'occhio debba fare appena 12 movimenti!!! Proviamo invece a contare quanti se ne fanno in una lettura tradizionale (per non parlare di tutte le volte in cui "torniamo indietro"): non c'è paragone!


UNA RACCOMANDAZIONEesercitarsi poco a poco fino a migliorare di molto la propria velocità di lettura non deve assolutamente compromettere la comprensione del testo. Occore quindi rallentare, se ci si rende conto che la velocità in cui si "crede di leggere" stia inficiando una adeguata comprensione. Fatto sta che, quando si applicano correttamente queste tecniche, la comprensione non viene mai sacrificata; piuttosto la comprensione trova beneficio, perché una lettura così scientifica ed efficiente non lascia spazio a distrazioni di nessun tipo.

Copyrights 2013 - Guamodì Scuola

E' vietata la riproduzione, anche parziale, delle informazioni qui contenute.
 Le violazioni saranno perseguite a norma di legge.
 E' consentita la sola segnalazione tramite link.

giovedì 30 maggio 2013

Lettura veloce: elimina le cattive abitudini!


Anche il lettore più incallito, colui cioè che legge molto e sugli argomenti più vari, non è detto che sia un lettore professionista. Non basta leggere tanto e da più tempo per potersi definire un lettore competente. Vi sono degli errori molto comuni che possono essere commessi da chiunque, in assoluta buona fede: dagli errori più banali - per esempio riguardo alla postura - ad errori specifici più complessi che concorrono a rallentare la velocità nella lettura e nella compresione.  Evitando queste cattive abitudini - che tecnicamente chiamiamo ABITUDINI DISFUNZIONALI - sarà possibile ridurre della metà, di tre volte o anche più, i tempi di lettura.

I vantaggi nello studio sarebbero notevoli:

- Impiego di minor tempo;
- Maggiore motivazione e senso di autoefficacia;
- Più tempo a disposizione da gestire come meglio si crede (svago, ripasso di altri argomenti etc. etc.)

Ecco di seguito le abitudini disfunzionali che ostacolano una lettura veloce e professionale:

La regressione.

La regressione consiste nel tornare ogni volta su quello che si è letto, per rileggere qualche parola o riga. In genere questo accade quando si ritiene che si è tralasciata qualche informazione importante che occorre recuperare o consolidare.

La lettura rapida proibisce che si faccia ciò: il livello di concentrazione (che si sviluppa con opportune tecniche e con l'esercizio) deve essere tale che nessuna informazione importante vada persa al momento della prima lettura. L'acquisizione di una lettura rapida inoltre, una volta che essa si sarà sistematizzata, non lascerà tempo per "tornare indietro" a recuperare informazioni. Sarà sufficiente, per una comprensione completa, la prima lettura.

- Movimento delle labbra.

L'abitudine della lettura ad alta voce viene consolidata - giustamente - dalle scuole elementari, dove è importante curare una corretta sillabazione e fluidità nello scandire le parole. Inoltre, dare la giusta "espressione" a ciò che si legge è segno di competenza e padronanza linguistica.

Leggere ad alta voce, tuttavia, non si può dire che sia un'abilità funzionale per un lettore adulto! La letturafinalizzata allo studio, infatti, verrebbe notevolmente rallentata e la comprensione di gran lunga compromessa.
Mediamente si possono pronunciare circa 200 parole al minuto, ciò vuol dire che se assumiamo la cattiva abitudine di leggere ad alta voce non potremmo mai andare oltre questa soglia.
E' importante anche eliminare il semplice MOVIMENTO DELLE LABBRA, perché simula la pronuncia delle parole provocando un rallentamento simile.

- Lettura "parola per parola".

Altra abitudine disfunzionale è quella di leggere un testo parola per parola, anche in questo caso proprio come ci hanno insegnato nella scuola elementare. Infatti, il modo più diffuso per imparare a leggere è quello di arrivare allacostruzione generale della frase sommando le parole che la compongono.

In realtà, una lettura veloce e proficua consiste nel leggere gruppi di parole, parti intere di frasi spostando gli occhi (movimento oculare) 2 o 3 volte per ogni frase. In questo modo il lettore, con un unico colpo d'occhio, riesce a leggere guppi di 5-8 parole, impiegando fino ad un terzo del tempo per la lettura di ogni pagina!

Ripetizione mentale.

Consiste nel ripetere a mente le parole che si leggono. E' un'abitudine disfunzionale molto simile alla ripetizione ad alta voce, ma è più difficile da eliminare perché non sempre ci si rende conto che si sta commettendo l'errore. Ildettato interiore che il lettore si fa, in questi casi, impedisce che si possa leggere più velocemente e dirotta la mente su ciò che viene pronunciato e non sul suo significato.


ESERCIZI DI LETTURA VELOCE

Rispetto alla cattiva abitudine di leggere a mente o ad alta voce non esistono tecniche che insegnano come smettere: sta al lettore, infatti, accorgersi dell'errore ed evitarlo.

Rispetto invece alla "lettura parola per parola" e alla cattiva abitudine di "tornare indietro" esistono due software molto interessanti che aiutano, con un minimo di esercizio, ad evitare simili errori e a velocizzare di molto la lettura:

Spreeder. E' un'applicazione completamente gratuita di lettura veloce. Basta copiare ed incollare il testo che si vuole leggere nella schermata del programma, impostare le parole al minuto che si vogliono far scorrere e il numero di parole che si desidera leggere nella schermata. Successivamente, premendo play, il programma presenterà il testo secondo le suddette impostazioni.

Utilizzando con costanza questo programma si otterranno in poco tempo risultati strabilianti nella lettura veloce.

Simian Speed Reader. E' un'ottima applicazione per iPhone: le caratteristiche del programma sono simili a quelle del precedente. Scaricando l'applicazione ci si può esercitare nella lettura veloce mentre si è in treno, in metropolitana... ovunque ci siano "tempi morti".

La lettura veloce è un argomento molto complesso e questo articolo ha la sola intenzione di accennarne qualche aspetto. Se si vuole approfondire l'argomento ci sono molti testi in commercio.

Sconsiglio di spendere cifre altissime per seguire corsi tenuti dal vivo: l'acquisto e lo studio di un buon manuale forniscono un utile strumento per chi avesse veramente voglia di imparare.

Tra i vari testi in commercio ne segnalo uno molto utile ed economico:

A. Pozzi, Corso di lettura rapida, Franco Angeli, 2003, Milano

mercoledì 29 maggio 2013

Mozilla PopcornMaker: un programma semplice ed intuitivo per elaborare immagini e video

Mozilla PopcornMAker è una risorsa molto bella e utile per l'elaborazione dei filmati e dei video. Basta usare il proprio Browser per combinare immagini e  video (e condividerli). L'utilità è soprattutto questa: non occorre scaricare e installare nessun programma.
Per salvare i lavori serva registrarsi e fare l'accesso. 

La risorsa è totalmente gratuita!

E' uno strumento di facile utilizzo, supportato anche da un immediato video tutorial.

Cliccando qui puoi vedere un progetto molto interessante: la creazione di un piatto con pancetta e Bacon; il video è mixato con la Quinta Sinfonia di Beethowen, a dimostrazione di quanto sia semplice ed immediato sbizzarrirsi in vari modi. Nella pagina iniziale, comunque, troverete molti altri esempi di filmati realizzati.
Il programma è una valida alternativa  chi trovasse complicati programmi di elaborazione video, come moviemaker o imovie per Mac (solo per fare alcuni esempi).
In classe, come è facile immaginare, le possibilità di utilizzo per vari progetti didattici sono molteplici



martedì 28 maggio 2013

Studiare prima dell'esame: alcuni consigli sul metodo e sull'ultimo ripasso.

Naturalmente di tecniche e consigli da dare per una buona preparazione di un esame ce ne sarebbero a bizzeffe, e su questo sito mano a mano li affronteremo tutti. Qui, però, mi limito a considerare l'importanza del ripasso nei giorni precedenti all'esame; anzi, forse è meglio dire il ripasso del giorno prima o di due giorni prima, perché il ripasso finale non può avvenire troppo tempo prima dell'esame poiché rischierebbe di perdere la sua efficacia.

Ciascuno, nei giorni precedenti all'esame, si darà dei tempi per affrontare la mole di studio che gli viene richiesto. Vi sono studenti che distribuiscono le pagine del manuale in base a quanto tempo hanno a disposizione per prepararsi (Es. 1000 pagine x10 giorni di tempo = 100 pagine al giorno). 

Accade, però, che al termine dello studio del manuale abbiano letto, sottolineato, magari abbiano anche ripetuto una volta ad alta voce ma... il giorno prima dell'esame non ricordano nulla, e non hanno più tempo per ripassare! Esito? Negativo, naturalmente!

Per preparare bene un esame è necessaria, invece, la ricorsività negli argomenti di studio.

Cosa vuol dire questa parolaccia? Vuol dire che è opportuno ritornare più volte sull'argomento di studio, per consolidarlo, padroneggiarlo, per collegarlo con altri argomenti e, prima dell'esame, per avere un quadro d'insieme sull'argomento.

Quest'ultimo punto è di grandissima importanza.

L'errore più diffuso dello studente che non ottiene risultati sta soprattutto in questo: dare poca importanza - o non riuscire - ad una visione d'insieme dell'argomento che ha studiato; lo studente in questo caso ricorda porzioni, frammenti dell'argomento globale, ma non l'argomento nella sua totalità.

Questa eccessiva frammentazione nello studio porta a delle pessime conseguenze:

Demotivare lo studente che percepisce se stesso come poco competente in quanto non padrone della materia. 

Incapacità nel fare collegamenti tra argomenti diversi della stessa disciplina o tra discipline diverse; la capacità di collegare, di stabilire relazioni tra concetti e argomenti, è una delle chiavi necessarie perché ci siano apprendimenti significativi.

Difficoltà nel memorizzare. Si tiene a mente con più facilità nella misura in cui i contenuti hanno un senso e una distribuzione razionale nei significati. Se ho pezzi sparsi qua e là senza legami, la memorizzazione sarà più difficile perché il contenuto avrà poco o nessun senso.

A dimostrazione di quanto detto finora, soprattutto in riferimento a quest'ultimo punto, occorre citare le ricerche di un ramo della psicologia, che prende il nome di GESTALT.

Gestalt vuol dire forma, psicologia della forma.

Figura 1
Gli studiosi appartenenti a questa scuola, dopo una serie di ricerche sperimentali, hanno capito che l'essere umano tende a semplificare la realtà che percepisce secondo forme conosciute. Tutto ciò che viene percepito, con cui si entra in contatto, viene ricondotto a forme consuete, diffuse, il più possibile semplici.  Ad esempio, se l'essere umano vede una serie di segni come quelli a lato (fig. 1) tenderà a semplificare le forme in triangoli; in realtà, però, si tratta di cerchi privati di una loro parte e di linee che mai formano un vero e proprio triangolo così come lo intendiamo geometricamente! Il nostro cervello però, che tende per sua natura a semplificare, vedrà nella figura qui accanto due triangoli, uno in secondo piano ed un altro completamente bianco in primo piano.

Questo esempio ci dimostra un principio fondamentale attraverso cui il nostro cervello percepisce e memorizza: 
forme semplici e ... visione d'insieme.

Sempre restando all'esempio della figura qui a lato, l'essere umano non ricorda tre cerchi privati ciascuno di uno "spicchio", più tre segni riconducibili ad una V ruotate in tre posizioni diverse; ciò che ricordiamo, semplificando e generalizzando, sono i triangoli di cui facevamo menzione in precedenza.

Come fare tesoro di tutto questo e applicarlo al 
metodo di studio?

Molto semplice: dividere il tempo a disposizione per preparare un esame in 4 momenti (non in un unico ciclo di lettura!!!):

1. Fase della lettura scremante: in questa fase si legge, senza memorizzare nulla (in realtà resteranno in mente i contenuti più interessanti e in modo sparso), e si sottolineano i concetti più importanti; si può anche utilizzare una sottolineatura a colori, in cui assegnare un livello di importanza ad ogni colore.

2. Fase della prima ripetizione: capitolo per capitolo si ripete, ad alta voce o fissando una mappa o uno schema creato appositamente, cercando di memorizzare il più possibile. Arrivati al termine di questa ripetizione, accade spesso di non ricordare nulla delle prime pagine ripetute. Niente paura!!! Il vostro cervello "ricostruirà" tutto in seguito in un'ottica ... gestaltica!!!

3. Seconda e ultima ripetizione. Sarà molto più rapida della prima e vi accorgerete di ricordare tanti concetti, nomi, formule che credevate di aver dimenticato. A questo punto avrete decisamente un quadro d'insieme che vi darà sicurezza, attraverso cui percepire in modo globale l'argomento d'esame.

4. Ripasso rapido. Avviene il giorno prima - o da due giorni prima - senza ripetere ad alta voce, ma usando solamente la vista. Si tratta di sfogliare velocemente le pagine del manuale, le mappe e gli schemi creati, chiudere gli occhi di tanto in tanto per "fotografare" con la mente ciò che è stato memorizzato e "rivederlo"(aiuta, in questo caso, se la sottolineatura è avvenuta "a colori", magari con gli evidenziatori o con i pastelli).

Voilà, al termine di questo percorso avrete il quadro d'insieme della disciplina o dell'argomento dell'esame, vi sentirete più sicuri, sarete in grado di fare collegamenti tra concetti o discipline; in più, se vi viene fatta una domanda che non capite o se la risposta pronta lì per lì non vi viene, avete abbastanza collegamenti in mente da poter temporeggiare per guadagnare tempo con un'ampia cornice e trovare poi la risposta giusta. Insomma, grazie alla gestalt e agli sforzi per avere una visione d'insieme della "forma dell'esame"... avrete molte più probabilità di avere successo nello studio!

Non resta che andare a scuola, o all'università, e sostenere brillantemente l'esame.

N.B. L'utilità delle tecniche di memoria e delle tecniche di lettura veloce è fuori discussione: permettono di guadagnare tempo e spendere meno energie. 
Gli mnemonisti sostengono, tuttavia, che con le tecniche da loro insegnate un esame di 1500 pagine, ad esempio, può essere preparato in 7 giorni senza ripetere mai ad alta voce e senza tornare mai sugli argomenti; rispetto a ciò ho qualche perplessità. 



Tecniche di Memoria e Metodo di Studio

lunedì 27 maggio 2013

Imparare l'inglese: risorse gratuite sul web!


Di seguito propongo una serie di materiali, censiti sulla rete, dove trovare moltissime risorse per imparare - o migliorare - il proprio inglese o una qualsiasi altra lingua straniera di interesse.
La multimedialità per l'apprendimento di una nuova lingua è una risorsa di grande valore, poiché mette insiememateriali audio, video e forme interattive, in modo stimolante e creativo. Naturalmente, come per qualsiasi altra forma di apprendimento, è indispensabile il fattore motivazione, senza il quale neppure la presenza del miglior insegnante del mondo potrebbe nulla.
Detto ciò, buona lettura e buona navigazione, sperando che il materiale proposto vi sia utile.


busuu.com

E' una risorsa ottima, ricca di strumenti per l'apprendimento della lingua. Occorre la registrazione per utilizzare al meglio le diverse opportunità, ma è gratuita e si fa in pochi click. Le lingue che si possono imparare sono diverse: inglese, tedesco, spagnolo, polacco, russo, cinese, francese, giapponese...
Da una sezione del portale si può accedere alle guide grammaticali di editori diversi e di qualità. Dopo la registrazione serve soltanto scegliere la lingua che si vuole apprendere e il livello di apprendimento: A1, A2, B1, B2 etc...
Fondamentale è una community di livello mondiale attraverso cui entrare in contatto tramite video-chat con utenti madrelingua che parlano la lingua che hai intenzione di imparare ed esercitarti con loro, chiedere chiarimenti etc...

Nel portale trovi anche diverse sezioni di approfondimento: 

1. Vocabolario (con circa 300 parole o frasi);
2. Dialogo (strumenti per la comprensione di un discorso);
3. Scrittura (esercizi pratici da svolgere);
4. Registratore vocale (per verificare l'esattezza della propria pronuncia);
5. Revisore di esercizi.

In più c'è una sezione da cui scaricare le applicazioni del programma per Apple e Android e poter eseguire gli esercizi su tablet o smartphone. Da provare!


Spotlight CasaSpotlight è un programma radiofonico giornaliero della durata di 15 minuti. A differenza di tutti gli altri programmi radio, però, è una risorsa pensata e costruita appositamente per chi ha intenzione di apprendere la lingua inglese e migliorare la propri capacità di comprensione.
Le trasmissioni radio proposte, infatti, seguono scrupolosamente particolari accorgimenti:

- Il numero di parole usato non va oltre un lessico di 1500 parole;

- La velocità di lettura è di gran lunga inferiore rispetto a quella di un parlante standard madrelingua;

Frasi più brevi del solito;

Il portale, nonostante questa valenza didattica, può essere però del tutto considerato come una vera e propria radio; gli argomenti hanno a che fare con arte, scienze, tecnologia, salute e molto altro.
In questa pagina trovi una lista dei programmi più recenti.

it.forvo.com

Tutte le parole del mondo. PronunciateForvo è un ottimo portale per chi già utilizza sufficientemente bene una lingua straniera, ma desideraampliare il proprio vocabolario e migliorare la pronuncia. In effetti questo portale è una delle più grosseguide alla pronuncia del mondo. Occorre registrarsi gratuitamente con nome utente, password ed e-mail, dopo di ché utilizzarlo è facile: si indica la parola di cui non si conosce la pronuncia e la si ascolta attraverso la voce di un altro utente. E' un network collaborativo in cui ogni iscritto può inserire parole nuove con la relativa pronuncia. 


E' una risorsa della notissima BBC e offre un percorso di 12 settimane per l'apprendimento di svariate lingue tramite materiali audio e video, con sezioni specifiche relative a grammatica, lessico, e pronuncia. Il portale è ricco di materiali ben organizzati con un'apposita sezione dedicata ai bambini. Naturalmente il sito è in lingua inglese, quindi si può accedere a tutte le risorse disponibile tramite una minima conoscenza dell'inglese. Le lingue per cui sono previsti i percorsi di apprendimento sono poco meno di 40. Buono studio!!!


Zaac è un programma educational che si propone di aiutare i bambini ad imparare l'inglese. L'obiettivo è quello di comunicare ai più piccoli concetti scolastici stimolando la loro creatività ed immaginazione.
Come? Catturando la loro attenzione con un personaggio in 3d di fantasia, di nome ZAAC, un simpatico ed insolito insegnante animato.
La struttura del corso è costituita da una serie di puntate indipendenti. Per ogni lezione esistono anche delle schede cartacee utili per consolidare i contenuti delle singole puntate. Il corso è rivolto a bambini di età compresa tra i 5 e 7 anni.

sabato 25 maggio 2013

English Gratis, l'inglese senza spese!


Troviamo sul web un valido aiuto per lo studio e l'apprendimento dell'inglese

Nel sito English Gratis si trovano risorse di ogni tipo per lo studio e l'apprendimento della lingua inglese: dalla grammatica al dizionario, dalle canzoni ai video didattici estratti da film e da programmi televisivi.

Associato al sito si trova anche un blog per insegnanti di inglese, dove scambiarsi opinioni e strumenti didattici. Vi è anche un'area dove i volontari possono dare il loro contributo allo sviluppo del sito e un multiblog aggiornato in cui trovare risorse e consigli per lo studio dell'inglese. 

 Gli esercizi presenti nel sito possono essere anche ascoltati, in modo da avere chiara l'esatta pronuncia delle parole.

Il sito è senza dubbio una risorsa valida per studenti ed insegnanti. Si può apprendere tanto... naturalmente con un nutrito sacchetto di buona volonta! :)

venerdì 24 maggio 2013

La saggezza in un barattolo, lezione di vita

Quando ti sembra di avere troppe cose da gestire nella vita, quando 24 ore in un giorno non sono abbastanza …
Un professore stava davanti alla sua classe di filosofia e aveva davanti alcuni oggetti. 
Quando la classe incominciò a zittirsi, prese un grande barattolo vuoto e lo iniziò a riempire di palline da golf. 

Chiese poi agli studenti se il barattolo fosse pieno e costoro risposero che lo era. 

Il professore allora prese della ghiaia e la rovesciò nel barattolo. Lo scosse leggermente e i sassolini si posizionarono negli spazi vuoti, tra le palline da golf.  Chiese di nuovo agli studenti se il barattolo fosse pieno e questi concordarono che lo era. 

Il professore prese allora una scatola di sabbia e la rovesciò, aggiungendola nel barattolo; ovviamente la sabbia si sparse ovunque all'interno. 

Chiese ancora una volta se il barattolo fosse pieno e gli studenti risposero con un unanime “sì”. 

Il professore estrasse quindi due bicchieri di vino da sotto la cattedra e aggiunse il loro intero contenuto nel barattolo, andando così effettivamente a riempire gli spazi vuoti nella sabbia. 

Gli studenti risero. 


“Ora”- disse il professore non appena la risata si fu placata- “voglio che consideriate questo barattolo come la vostra Vita. 

Le palle da golf sono le cose importanti: la fede in Dio, la vostra famiglia, i vostri bambini, la vostra salute, i vostri amici e le vostre Passioni; le cose per cui, se anche tutto il resto andasse perduto e solo queste rimanessero, la vostra vita continuerebbe ad essere piena. 

I sassolini sono le altre cose che hanno importanza, come il vostro lavoro, la casa, la macchina... 

La sabbia è tutto il resto: le piccole cose. 

Se nel barattolo mettete prima la sabbia, non ci sarà spazio per la ghiaia e nemmeno per le palline da golf. 

Lo stesso vale per la vita: se spendete tutto il vostro tempo e le vostre energie dietro le piccole cose, non avrete più spazio per le cose che sono importanti per voi. 

Prestate attenzione alle cose che sono indispensabili per la vostra felicità: trovate il tempo per meditare e pregare, giocate con i vostri bambini, godetevi la famiglia ed i genitori finché ci sono; portate il vostro coniuge fuori a cena... 


E non solo nelle occasioni importanti! 

Dedicatevi a ciò che amate e alle passioni, tanto ci sarà sempre tempo per pulire la casa o fissare gli appuntamenti. 
Prendetevi cura per prima cosa delle palline da golf, le cose che contano davvero. 


Fissate le priorità... il resto è solo sabbia". 


Uno degli studenti alzò la mano e chiese cosa rappresentasse il vino. 

Il professore sorrise: "Sono felice che tu l'abbia chiesto. 
Serve solo per mostrarvi che non importa quanto piena possa sembrare la vostra vita: ci sarà sempre spazio per un paio di bicchieri di vino con un amico". 

L'esame si avvicina... materiali, strumenti, consigli!


Forniamo alcuni suggerimenti utili per tutti coloro che avranno a che fare con gli esami di maturità o di terza media. 

- Una grande quantità di consigli e materiali li troviamo nel sito "Guida alla maturità": oltre alla segnalazione di applicazioni da scaricare (per tablet e cellulari) sul tema di italiano, tema storico, analisi del testo, saggio breve e articolo di giornale, vi sono altre sezioni in cui trovare esempi di tracce svolte, suggerimenti su come costruire mappe concettuali e i quesiti già usciti negli esami degli anni precedenti.

- Sul sito studentville trovate un'enorme quantità di informazioni e suggerimenti di ogni tipo: dalle modalità di conduzione del colloquio orale ai consigli per una tesina efficace; dai criteri per la preparazione del percorso al ripasso prima delle prove scritte. Nella sezione "Appunti", inoltre si trovano approfondimenti e ... percorsi già strutturati!

- Su atuttascuola, invece, pur trovando meno materiale rispetto a studentville, ci sono comunque utili spunti a cui ispirarsi per la compilazione della tesina di terza media. In più lezioni scritte e audio tramite cui ripassare, oppure bibliografie per approfondire.

Studenti.it - Forse il più noto sito per studenti: qui trovate di tutto, serve solo pazienza per cercare.

giovedì 23 maggio 2013

Preparare l'esame con le App... you can!

Risorse eccezionali dal mondo della mela.
Sull'Apple Store si trovano alcune applicazioni davvero utili per la preparazione degli esami.

Si parte con "TEMI SVOLTI PER LA MATURITA' 2012"

... circa 35 temi svolti suddivisi in funzione delle diverse tipologie di prove previste per l’Esame di Stato: analisi del testo, saggio breve, articolo di giornale, tema di storia, tema di attualità.

Ciascuna traccia è preceduta dalle indicazioni sul percorso compositivo che verrà seguito nel testo, in modo da offrire al candidato un modello d’esposizione ragionato di cui tener conto durante le prove.

Numerosi altri temi svolti sono disponibili sul sito web www.guidamaturita.it, assieme a risorse, indicazioni e suggerimenti per affrontare l’Esame di Stato.

Caratteristiche tecniche:
- Motore di ricerca
- Invio del testo via email
- Gestione dei preferiti
- Consultazione rapida dei contenuti recenti
- Funzione copia & incolla


Nella stessa pagina, in basso, vi sono molte altre applicazioni affini: sull'analisi del testo, sul tema storico, una guida alla composizione della prova scritta di italiano, formulari di matematica e applicazioni specifiche per lapreparazione di esami universitari (diritto privato, costituzionale etc...)!!! 

MATUTIRA' OK
Con Maturità OK, l’App sviluppata in collaborazione con il Centro di psicologia della comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, hai a portata di mano 4 applicazioni in una, tutto quello che ti serve per preparare al meglio la tua Maturità.
Durante un compito o un'interrogazione ti è mai capitato di conoscere la risposta ad una domanda, ma non riuscire a formularla per colpa dell'ansia? In Maturità OK trovi un test, un esercizio e 6 video che ti insegnano a controllare le emozioni e gestire l'ansia e la paura. Puoi misurare il tuo livello di ansia e imparare a gestirla seguendo un percorso guidato oppure scegliendone uno personalizzato, con esperienze pratiche e suggerimenti che ti aiuteranno ad affrontare efficacemente le tue paure.
Ma non solo, con Maturità OK hai un'App per ricordare e pianificare le cose da fare; un'App per prendere appunti; una per registrarti mentre ripeti le lezioni e condividerle con i compagni di studio via mail e con bluetooth, e inviare via mail gli appunti. 
Maturità OK si basa su Esame OK, un'applicazione che ha aiutato molti studenti dell'Università a superare i loro esami.Con Maturità OK puoi misurare il tuo livello di ansia e imparare a gestirla, seguendo un percorso guidato oppure scegliendone uno personale: esperienze pratiche e suggerimenti che ti aiuteranno ad affrontare efficacemente le tue paure.
Le altre applicazioni ti aiuteranno poi a studiare con metodo ed efficacia.
Maturità OK si basa su Esame OK, un'applicazione che ha aiutato molti studenti dell'Università a superare i loro esami.

mercoledì 22 maggio 2013

Risorse per gli esami


In questa sezione vengono segnalate risorse on-line di vario tipo per chi deve affrontare gli esami di terza media e di maturità


In terza media, per molti studenti, arriva il momento di sostenere il primo vero esame! Con l'abolizione dell'esame al termine della V elementare, infatti, gli alunni trovano in questa occasione il primo vero scoglio da superare, con tutta l'ansia, la tensione e le incertezze che ne conseguono.
Il link in alto rimanda ad un video di Daniele (di Skuola.net) in cui si danno risponde alle domande più frequenti degli studenti sull'esame di terza media: come superare la prima prova di italiano? Come fare la tesina? Quanto dura il colloquio orale? Il video, inoltre, aiuta gli studenti a capire cosa studiare per prepararsi all'esame di terza media e come riuscire a memorizzare tutto.


La prova orale nell'esame di Maturità è in assoluto uno dei momenti più importanti; è l'occasione in cui lo studente deve rendere al massimo delle sue potenzialità. E' lì che deve emergere la personalità del candidato, la padronanza dei contenuti e la capacità di presentarli secondo un percorso multidisciplinare. Nel link che viene segnalato trovereteutili indicazioni su come affrontare questa fondamentale prova, oltre che diversi richiami ad altri siti e risorse on-line


3. MATERIALI PER LA MATURITA': TESINE, TEMI SVOLTI, APPUNTI

 Trovate di seguito una serie di link che rimandano a siti utili su cui trovare ottimo materiale per il vostro studio. Buon lavoro!
  • Ziolupo.com (tesine, appunti e pronostici, versioni di latino e greco degli scorsi anni)
  • Atuttascuola (temi svolti)
  • Studentville (temi svolti e tracce)
  • Picubo (appunti, tesine, riassunti, prima e seconda prova)
  • Publiweb (tracce, temi, appunti, tesine)
  • Studiamo.it (tracce di temi)
  • Scuolidea (materiale di vario tipo)
  • Skuola.net (tesine, mappe concettuali, percorsi e consigli per superare le tre prove e l'esame orale)
  • Scuolazoo (tracce maturità e tesine)
  • Matura.it (tesine, appunti e mappe concettuali. Inoltre una guida per creare una tesina multimediale) 


Trovate in questo sito una grande quantità di risorse per preparare l'esame di maturità. Ci sono materiali per la preparazione delle tre prove scritte e per il colloquio pluridisciplinare, il tutto selezionato ed organizzato dallo staff Treccani. 

5. TRAMONTANA

Per provare il vostro grado di preparazione in vista dell'esame di Stato, abbiamo preparato per voi una serie di esercitazioni e di suggerimenti che vi faranno arrivare sicuri e allenati alla meta.
Selezionate la materia di vostro interesse e scaricate i materiali per la preparazione.



Risorse eccezionali dal mondo della mela. Sull'Apple Store si trovano alcune applicazioni davvero utili per la preparazione degli esami.

Forniamo alcuni suggerimenti utili per tutti coloro che avranno a che fare con gli esami di maturità o di terza media.

8. Studiare prima dell'esame: alcuni consigli sul metodo e sull'ultimo ripasso.

Naturalmente di tecniche e consigli da dare per una buona preparazione di un esame ce ne sarebbero a bizzeffe, e su questo sito mano a mano li affronteremo tutti. Qui, però, mi limito a considerare l'importanza del ripasso nei giorni precedenti all'esame; anzi, forse è meglio dire il ripasso del giorno prima o di due giorni prima, perché il ripasso finale non può avvenire troppo tempo prima dell'esame poiché rischierebbe di perdere la sua efficacia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...